L’utilizzo del Bromuro di Metile, destava numerose preoccupazioni legate all’assottigliamento dello strato d’ozono nell’atmosfera, fu così definitivamente abolito della Comunità Europea dal 18 marzo 2010, revocato in seguito alla Decisione 2008/753/CE della Commissione del 18 settembre 2008 e attuata in Italia nell’aprile del 2009. A sostituirlo, anche se solo parzialmente, fu il gas ProFume@ (Difluoruro di solforile) che consente di operare al controllo dei principali insetti delle derrate alimentari immagazzinate da utilizzarsi in impianti vuoti di stoccaggio dei cereali, in stabilimenti svuotati per la lavorazione dei cereali, in impianti alimentari svuotati (molini, riserie, pastifici, industrie dolciarie, mangimifici in genere).

In fase iniziale va eseguito un sopralluogo alla struttura sottoposta alla fumigazione, al fine di verificare i requisiti di idoneità della struttura stessa. Segue una evacuazione totale dei locali da trattare come anche quelli adiacenti. Per successivamente passare alle procedure di fumigazione utilizzando il gas Pro-fume@ in tutta sicurezza.

Trascorsi i tempi di esposizione necessari per un’ottimale riuscita del trattamento, si procede all’apertura e una adeguata aerazione della struttura. Solo dopo ripetute verifiche con strumenti di monitoraggio da parte dei nostri tecnici, sarà rilasciato il certificato di agibilità (gas free).

Gli oltre 40 anni di esperienza nel settore delle fumigazioni nelle strutture agroalimentari, ci consente di sviluppare insieme al cliente una metodologia “su misura”, efficace e sicura per ogni tipologia di problema.

Questo metodo di lavoro ha permesso di vantare un’altissima percentuale di feedback positivi da parte dei nostri clienti.

Fumigazioni con ProFume nei locali Agroalimentari vuoti

it_ITIT